distesa arnie.JPG

CHI SIAMO

Nel 1979 Mario Friquet (leva 1941, nato a Pragelato (Torino) nell’antica e caratteristica borgata di Allevè - 1828 m. slm-) si avvicina per la prima volta all’apicoltura. Da subito si appassiona a questa antica arte, praticata a Pragelato sin dal 1700 e già l’anno successivo entra a far parte del Consorzio Apicoltori Pragelato di cui ancora oggi è membro.

 

Negli anni viene affiancato dal figlio Alberto che dapprima si limita ad aiutare il padre nelle operazioni più pesanti di spostamento delle arnie, ma che via via viene affascinato dal meraviglioso e magico mondo delle api tanto che comincia ad occuparsene sempre più attivamente, cercando di “carpire” da Mario i segreti dell’apicoltura.

alberto.jpg
arnie.jpg

Nel 2016, dopo anni di affiancamento al padre, decide quinde di acquistare le sue prime arnie, il cui numero negli anni è cresciuto e tutt’oggi sta andato aumentando. L’apicoltura è per Alberto una vera passione a cui dedica la maggior parte del proprio tempo “libero” e tante tante energie, sia per la cura degli alveari che per la propria formazione. 

Alberto pratica, con le proprie api, il “nomadismo”, ossia le sposta a seconda delle stagioni e delle fioriture, principalmente in due località: dall’autunno alla fine di maggio, circa, l’apiario è stanziale a Pecetto Torinese, località sulla collina torinese, famoso per i suoi numerosissimi ciliegi che hanno valso al paese l’appellativo di “Paese delle Ciliegie” e che nella stagione della fioritura immergono il paesaggio in un’incantevole nuvola bianca. Da giugno a settembre l’apiario si sposta nel Parco Naturale della Val Troncea, paradiso naturale protetto e incontaminato, situato nel cuore delle Alpi Cozie in una valle attraversata dal torrente Chisone e circondata da alte cime che raggiungono i tremila metri di altitudine. Li le api producono il prezioso miele di Pragelato!

IMG_7059.JPG
alveare.jpg

Nel 2020 Alberto e la sua compagna Laura cominciano a pensare ad un progetto di vita nuovo, sempre più legato all’apicoltura e all’ambiente. Laura, da sempre amante della natura, in un’ottica di economia circolare, decide di utilizzare parte della cera delle proprie api per produrre candele di pura cera d’api sia profumate che non, e si avvicina anche lei all’apicoltura con maggior dedizione e interesse.

Nel 2021 il progetto di Laura e Alberto porta alla creazione di LUCE DI MIELE, un’idea e un sogno che l’anno successivo si concretizza in una azienda dove le api e la natura divengono il cuore intorno al quale costruire un sistema di economia circolare e di attenzione per l’ambiente e la biodiversità, che gli consenta di produrre miele e altri beni nel rispetto delle api, cercando di preservarne l’habitat oggi tanto minacciato dall’azione dell’uomo stesso.

laura.jpg
candele.jpg